fbpx

Flowers Watering di Thich Nhat Hanh per far rifiorire le relazioni

Flowers Watering di Thich Nhat Hanh per far rifiorire le relazioni
Tamara

 

Mi avrai già sentito parlare di Thich Nhat Hanh, monaco buddista i cui insegnamenti sono fonte di grande ispirazione per me.

Avrai anche visto da una delle volte che sono stata al Plum Village, il suo centro di pratica internazionale che si trova vicino a Bordeaux, in Francia.

Qui si tengono ritiri per meditare da soli o insieme alla propria famiglia. È un’esperienza unica, ogni volta diversa e ogni volta sempre più arricchente. Tra le varie meditazioni che vengono praticate c’è n’è una di cui vorrei parlarti oggi.

È la prima parte di un percorso chiamato Beginning anew, ricominciare da capo, e serve a chiarire la propria mente per creare un nuovo inizio con noi stessi e nelle relazioni che abbiamo con gli altri.

Si inizia con Flowers Watering, letteralmente innaffiare i fiori e consiste nel riconoscere le caratteristiche positive degli altri.

“Innaffiare i fiori è la prima parte della pratica. Innaffiare i fiori è semplicemente mostrare apprezzamento per gli altri nella tua famiglia o nella tua comunità di lavoro. Le persone lo fanno una alla volta, aspettando finché non si sentono pronti a parlare. Gli altri li lasciano parlare senza rispondere. È utile per le persone tenere un vaso di fiori o qualche oggetto di fronte a loro mentre parlano, in modo che le loro parole riflettano la freschezza e la bellezza dei fiori. Durante l’innaffiamento dei fiori, chi parla riconosce le qualità sane e meravigliose degli altri. Non è adulazione; dobbiamo dire la verità. Ognuno ha dei punti forti che possono essere visti con consapevolezza. Nessuno può interrompere la persona che tiene i fiori. A ciascuno è concesso tutto il tempo necessario, e tutti gli altri praticano un ascolto profondo. Quando una persona ha finito di parlare, si alza e lentamente riporta il vaso al centro della stanza.”

 

Riconoscere i tratti positivi degli altri ci permette di vedere anche le nostre buone qualità. È come in un giardino, quando innaffiamo i fiori della gentilezza e della compassione togliamo energia a rabbia, gelosia e incomprensioni.

Quello che si riesce a fare in questo modo è evitare di accumulare sentimenti negativi liberandoli non appena vengono a galla. Immagino sia capitato anche a te di trovare fastidioso una piccola cosa, quasi insignificante che qualcuno vicino a te fa. Ad esempio il collega che ascolta musica ad alto volume.

La cosa ti infastidisce ma lasci correre. Poi i giorni passano, magari anche settimane e mesi e quella piccola cosa si ingigantisce nei tuoi pensieri fino a diventare enorme e non più tollerabile.

Se solo avessi comunicato subito al tuo collega il tuo stato d’animo e avessi magari chiesto di usare delle cuffiette la cosa si sarebbe risolta in brevissimo tempo e senza alcuna ripercussione.

Comunicare, sempre con gentilezza e compassione, con le persone che ci stanno intorno è fondamentale per il nostro benessere e quello del sistema di persone che ci circonda.

Ricorda:

Focalizza la tua attenzione sui tratti positivi delle persone intorno a te, circondati di persone che sanno nutrire il tu vero io e comunica con loro in modo limpido e compassionevole.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*