fbpx

Figli adolescenti: come comunicare con loro

Figli adolescenti: come comunicare con loro
Tamara

Come comunicare con i figli adolescenti?

Tutti sappiamo che l’adolescenza è uno dei momenti critici quando si cresce un figlio. Lo abbiamo passato noi e per chi ha figli, nipoti o amici, lo vediamo tutti i giorni. E come spesso capita, lo si capisce veramente solo quando si arriva a quel momento fatto di scontri, incomprensioni e ribellioni.

Ce ne rendiamo davvero conto quando, come genitori, dobbiamo crescere e stretch our minds per sapere gestire nel miglior modo possibile questo momento. Ossia, i nostri figli diventano i nostri migliori coach!

Ufficialmente il periodo dell’adolescenza è compreso tra i 9 e 18 anni che di solito è per gli adulti un periodo di grandi cambiamenti (ancora di più per chi ha fatto i figli un po’ più tardi).

Si tratta di un momento di co-responsabilità; quella dei ragazzi meno consapevole, mentre la nostra – idealmente – molto consapevole. Ovviamente non siamo tutti uguali e ognuno vive a suo modo l’esperienza dell’adolescenza, sia come figlio che come genitore, ma la cosa importante è di imparare a crearla, viverla insieme. 

Ci ritroviamo questi adolescenti che sgomitano per conquistarsi la loro libertà, quando fino a poco tempo fa erano i nostri “piccoli” e questo ci destabilizza. Tutta salute! Bisogna tagliare quel cordone ombelicale, per loro e per noi.

Tutti siamo stati adolescenti e tutti ricordiamo benissimo quella sensazione di essere quasi adulti e non più bambini, ma ora ci troviamo dalla parte del genitore. E quindi, che fare?

Credo che i punti fondamentali per comunicare con i figli adolescenti siano 3:

  1. Ascolto
  2. Rispetto dello spazio
  3. Accogliere lo scontro

Come spesso mi sentirai dire la comunicazione è alla base di ogni relazione, ma in questo caso diventa IMPRESCINDIBILE avere una comunicazione chiara e diretta. Idealmente il canale di comunicazione rimane sempre aperto, anche nei momenti di scontro cerchiamo di non chiuderci nel silenzio o nella testardaggine, ma andiamo su un confronto utile, su discussioni che diano spazio ai pensieri e alle emozioni di tutti. In questo periodo gli adolescenti hanno un grande bisogno di interagire e relazionarsi con gli adulti, di far valere le loro idee e cercare uno scontro alla pari.

 

Nell’ottica delle transizioni dei cicli della vita, questo sarebbe il momento dove loro volano con tutte le libertà, sapendo che hanno il nido sicuro dove poter tornare…bello no? Solo che sono in balia dall’ ormone birichino che fa di loro quello che vogliono. 

Va bene, questo è il momento di iniziare a lasciar loro più spazio, più libertà e far vivere loro queste prime esperienze in serenità. E quindi anche noi, prendiamoci più libertà e dedichiamoci a fare nuove esperienze. Tante mamme che conosco inconsciamente fanno fatica in questo momento per la paura del vuoto che potrebbero provare, ma anche di questa nuova fase della loro vita. Si ritrovano a non sapere come bilanciare quello spazio di cura dei figli con altro. Invece questo è il momento perfetto per riprendere hobbies, relazioni..opportunità!

Inevitabilmente ci saranno scontri, sappiamo benissimo che loro vorrebbero fare mille cose e noi siamo costretti per le più svariate ragioni a negargli alcune esperienze. Una cosa è osservarli e contenerli, un’altra e volerli controllare (colpevole anch’io ovvio!). 

Non etichettiamoli con frasi fatte come: “il solito adolescente che fa le bizze”, “non capisci perché sei giovane”, ma impegniamoci a conoscere chi sono veramente. I ragazzi adesso che sono super informati, hanno tutto un mondo interiore che spesso non condividono apertamente. Chiedete a loro le loro passioni, pensieri, emozioni, ma chiedetelo nel setting ideale per loro. 

La nostra comunicazione dev’essere di vero interesse e riconoscimento di chi stanno diventando. Io devo dire che ho dovuto fare questo passaggio recentemente, il passare da mamma a mentore. Penso che qui sta la differenza:

come posso supportare al meglio questa persona che si sta preparando a muoversi nel mondo da sol@?

 

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*